Ex C.G.I.L. > Urban Recycle 3.0

Il terzo atto del progetto “Cantiere Culturale Bolognese”
Via del Fresatore 9, sede CGIL temporaneamente in disuso

ARRIVA AL SECONDO ANNO la manifestazione “ L’école del Rusco”, serie di eventi promossa dall’organizzazione ‘La Pillola’ e dall’associazione Planimetrie Culturali, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Bologna, del quartiere San Vitale e della Regione, che si ripropone come scuola alternativa in cui gli studenti, grazie al supporto artistico del Gruppo Wrekon dei Mutoid Waste Company, creano opere d’arte recuperando oggetti di uso comune.
“E’ una manifestazione molto complessa – spiega Ilenia Gamberini de ‘La Pillola’ – che ha già conosciuto il varo il 3 settembre scorso. In piazza Verdi, le campane per la raccolta sono già state utilizzate come una tela da diversi artisti, che le hanno riconvertite in opere con la tecnica a stencyl. Lattine e bottiglie raccolte a fine serata verranno adoperate da Serman per un’installazione”. Moltissimi gli appuntamenti che porteranno la rassegna al clou del 28 e del 29, quando piazza Verdi, cuore degradato del capoluogo, sarà degli artisti per due giorni interi. Parteciperanno tra gli altri Marcello Tedesco e Jessica Cestaro, Homework e il gruppo londinese Mutoid. Gran finale il 29 s era con l’école party, una sorta di ‘festa recuperata’. “Ci è stato chiesto di ricercare uno spazio inusuale e coerente col tema del riciclo – conclude Mariagrazia Canu di ‘Planimetrie Culturali’. Lo abbiamo trovato nella sede della Cgil Roveri, perfetta per forma e posizione, grazie alla struttura labirintica che offre lo spunto per un party-happening, preceduto, il 28, da un incontro informale tra artisti e rappresentanti del sindacato”.